UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
21/04/2018 15:49
Home Articoli Pubblica Amministrazione Danno erariale a sindaco e dirigenti per la mancata pubblicazione dei dati sugli incarichi

Danno erariale a sindaco e dirigenti per la mancata pubblicazione dei dati sugli incarichi

di Antonio Capitano

L’istituzione della sezione «amministrazione trasparente» sul sito istituzionale è un obbligo ineludibile per gli enti locali, della cui attuazione deve farsi carico l'amministrazione comunale, e per essa il sindaco nella sua qualità di organo apicale.

Così si è espressa la Corte dei Conti Puglia, con la sentenza 185/2018, ravvisando nella condotta del primo cittadino gli estremi della colpa grave per l'omissione e il ritardo degli obblighi di trasparenza.

I dati non pubblicati

Il caso riguarda la mancata pubblicazione di tutti gli incarichi, esterni e interni, in difetto rispetto alle tassative previsioni in materia di trasparenza; difetto che rappresenta il presupposto sanzionatori per l'avvenuta erogazione dell'indennità di risultato ai dirigenti responsabili del conferimento degli incarichi.

Di questa omessa pubblicazione e di danno erariale rispondono non solo il sindaco, ma anche i dirigenti interessati e i componenti del nucleo di valutazione.

La Corte ha osservato che questi obblighi sono normalmente esigibili da parte dei componenti dell'organismo di valutazione, cui la legge e il regolamento interno dell'ente locale intestavano la funzione non solo di giudicare l'attività gestionale dei dirigenti, ma anche di impulso sulla messa a sistema di misure e azioni per il rispetto delle norme.

Tutto questo a prescindere da eventuali omissioni dei dirigenti conferenti gli incarichi o di altri soggetti. Queste omissioni, dunque, viziano irrimediabilmente la loro condotta, in termini di colpa grave.

La colpa grave

Anche se la difesa ha sottolineato che i rilievi contabili riguardavano un periodo antecedente l'entrata in vigore della normativa di riferimento, i giudici pugliesi hanno osservato che si tratta, in ogni caso, di danno attuale, perché disceso dalla violazione gravemente colposa di un preciso obbligo normativo, vigente all'epoca in cui la condotta è stata posta in essere, cui è conseguita una spesa indebita per l'ente locale.

Più precisamente, già l'articolo 11 del Dlgs 150/2009 aveva previsto un'automatica conseguenza (il divieto di erogazione dell'indennità di risultato) in caso di inadempimento degli obblighi di pubblicazione.

Sul punto i giudici contabili hanno argomentato che - malgrado la norma non prevedesse un termine entro il quale eseguire l’adempimento - un corretto modello comportamentale si sarebbe dovuto individuare, ad esempio, nella conclusione del ciclo annuale di gestione della performance.

 

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information