UNITEL

Dimensione Testo
  • Aumenta
  • Dimensione originale
  • Diminuisci
    
11/12/2017 23:57
Home

Il termine per l'impugnazione di un titolo edilizio emesso a favore di terzi

La Quarta Sezione del Consiglio di Stato richiamando propri precedenti giurisprudenziali, ha ribadito il principio secondo cui “Il termine per l'impugnazione di un titolo edilizio emesso a favore di terzi comincia a decorrere solo dall'ultimazione dei lavori o, quanto meno, dal momento in cui il relativo avanzamento disvela univocamente le specifiche caratteristiche strutturali e dimensionali dell’erigendo manufatto” (Consiglio di Stato, sez. IV, 25 maggio 2017, n. 2453).

Ciò in quanto il terzo, non essendo destinatario di alcuna forma di comunicazione personale diretta, potrebbe non avere esatta contezza dell’incidenza effettiva, nella propria posizione giuridica, dell’eventuale non conformità dell’intervento autorizzato rispetto alla disciplina urbanistica” (Consiglio di Stato, sez. IV, 5 maggio 2017 n. 2063).

L’orientamento si pone in assoluta conformità con l'indirizzo giurisprudenziale prevalente in tema di impugnazione dei titoli abilitativi, secondo cui, addirittura nell'ipotesi di inedificabilità assoluta dell'area, fino al momento di ultimazione dell'opera, “il titolare della situazione giuridica lesa, sebbene sia già certa e conoscibile l'esistenza di una costruzione abusiva (e, quindi, l'esistenza di una lesione agli interessi di cui è titolare) può ragionevolmente scegliere di tollerare quella violazione, ritenendo che il quantum della lesione non sia tale da indurlo al ricorso giurisdizionale. È solo nel momento in cui il titolare della situazione giuridica lesa conosce non solo l'an della lesione, ma anche il quantum della stessa (il che, come si è detto, accade con la sostanziale ultimazione dei lavori), che il quadro fattuale è completo e consente una compiuta valutazione ai fini della proposizione dell'impugnativa giurisdizionale. Solo da quel momento, pertanto, decorre il termine di decadenza” (Consiglio di Stato, sez. IV, 6 dicembre 2016, n. 5125).

Segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti - Sentenza del Consiglio di Stato Sez. IV del 12.9.2017

 

Partners

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

Banner

In questo sito web utilizziamo cookie e tecnologie simili per migliorare i nostri servizi. Informazioni

Dichiaro di accettare i cookies da questo sito.

EU Cookie Directive Module Information